?

Log in

No account? Create an account
 
 
09 January 2007 @ 10:43 am
X-files, Il caso Lagosecco Seconda parte  
I due presero posto nelle stanze attigue 34 e 35 dell'unico Hotel del paese, in realta' le stanze erano solo tre e in una ci viveva la padrona ma per dare un certo tono all'esercizio erano state numerate in quel modo.
La donna, che indossava un golfino d'angora, aveva l'aspetto di un gomitolo con cui intere generazioni di gatti avevano giocato, li accolse con un sorriso e per qualche istante i due dimenticarono perfino i toni aspri del cartello di benvenuto all'inizio del paese.
"Vi fermerete a lungo?" - chiese mentre porgeva loro il registro per le firme.
"Dipende da quello che troveremo" - rispose Max
"E da quello che si fara' trovare" - aggiunse Jelly
"Siete due fungaioli?" - chiese la donna voltandosi verso un quadro da dove da bambina era stata ritratta mentre teneva in mano un porcino grosso come un pallone da football.
Max noto' che gia' da piccola aveva quel grosso neo sulla guancia.
"Accipicchia che esemplare" - disse poi indicando il quadro
"Avevo sei anni e il fungo pesava piu' di due chili!" - disse la donna orgogliosa
"Mi riferivo al neo signora ma non importa" - ribatte' Max, poi segui' Jelly su per le scale, gli occhi della donna, gli si conficcarono in mezzo alle scapole con la precisione di due coltelli da Lancio, Folder senti' perfino un lieve prurito.
Disfarono il poco bagaglio, Folder bussando nel muro gioco' per qualche minuto a "Toc Toc, chi e', sono il lupo" ma Jelly trovo' divertente solo la prima volta poi comincio' a pensare che fare inversione e raccontare qualche balla a Spinning non sarebbe poi stata una gran tragedia.
Passarono sotto gli occhi della donna che si era appisolata appoggiata al bancone e uscirono. L'unica strada che divideva in due il paese come fosse quello di un film western, li accolse in un silenzio irreale.
"Jelly, questo silenzio non mi piace"
"Lo preferisco a "Toc Toc, sono il lupo" se devo essere sincera anche se sono d'accordo con te, non si sentono nemmeno le cicale..."
"Cerchiamo il negozio del barbiere, sono quelli i posti dove si raccolgono informazioni preziose".
Lo riconobbero dal cartello su cui era dipinta una forbice e un pettine, guardarono attraverso il vetro, pareva che il posto fosse deserto. Aprirono la porta che ando' a scontrare delle piccole campanelle appese che con il loro suono gentile trionfarono sul silenzio.
"C'e' nessuno?" - chiese Folder
"No" - rispose una voce da dietro una tenda
"Non mi freghi, se hai risposto vuol dire che ci sei" - disse Folder strizzando un occhio a Jelly che aveva gia' estratto dalla fondina la pistola.
Si scosto' appena la tenda ed apparve un ometto magro con la testa rasata e due baffetti impomatati che lo facevano sembrare un vecchio attore del cinema muto.
Teneva in un una mano un libro e nell'altra una torcia a pile, "Buongiorno" - disse posando entrambi sopra una mensola.
Jelly fu lesta a nascondere la calibro 10, "Dai pochi indizi in mio possesso posso affermare che dietro la tenda lei nasconda una piccola, buia, biblioteca e che finalmente ha trovato il libro che stava cercando" - disse Folder con un sorriso da saputello.
"Veramente stavo leggendo questo libro seduto sul cesso e dato che la lampadina e' fulminata mi aiutavo con questa torcia" - rispose l'uomo. (continua)
Tags:
 
 
Current Location: Sotto un fungo
Current Mood: crazycrazy
Current Music: Paolo Fresu - Fellini
 
 
 
Alpin: Era glaciale bradipoalpin on January 9th, 2007 01:48 pm (UTC)
"Veramente stavo leggendo questo libro seduto sul cesso e dato che la lampadina e' fulminata mi aiutavo con questa torcia" - rispose l'uomo.

Bellissima! Non vedo l'ora di leggere il resto.
bustonebustone on January 9th, 2007 03:06 pm (UTC)
Grazie e benvenuto!!
Domani la conclusione ;-)
(Anonymous) on January 9th, 2007 02:30 pm (UTC)
"Oh oh, forse è necessario io rivaluti ' toc toc, sono il lupo', borbotta Jelly, grattandosi con indice e pollice della mano sinistra il naso, chiaramente un loro segno convezionale, e poi mimando giusto uno sparo tra gli occhi dell'omuncolo, " a salve, per adesso", dice.
:)
Anya