?

Log in

No account? Create an account
 
 
02 December 2011 @ 12:06 pm
Sassi  
C'e' un mondo dove la gente usa i sassi per parlare.
Ognuno ne ha piene le tasche e quando vuol dire qualcosa ne tira fuori un po'.
Disposizione, dimensioni e forma compongono un codice che forma parole, frasi e interi discorsi, i bambini imparano a leggere i sassi fin dalla prima elementare ma gia'all'asilo si allenano con ciotoli tondi e primi vocaboli.
E' facile trovar per strada discorsi abbandonati, a volte intere conversazioni.
Chi ha tanto da dire va in giro con la carriola, chi preferisce tacere non si porta dietro alcun peso.

Quando qualcuno cerca ispirazione va sulla spiaggia dove il mare dispone i sassi in modo casuale.
Per chi ha la pazienza di cercare e' possibile scovare aforismi, massime, e proverbi.
Il mare, si sa, e' antico e saggio.
Si narra che lo scrittore Ernest Mc Stone non sia un grande autore ma semplicemente un uomo fortunato.
Pare che abbia scovato l'ultimo romanzo in una cava vicino alla sua abitazione e che si sia limitato a ricopiare.

I sassi servono per contare, la scala numerica stabilisce che cento granelli di sabbia formano un sasso, che cento sassi formano una gragnola, che cento gragnole formano una frana e cosi' via fino alla massima unita', la meteora.

I sassi sono utilizzati per scrivere musica.
Similarmente alle note sullo spartito (ma disposti uno sull'altro in pile) formano sinfonie e sonate.
Anche in questo caso la natura compone da se pregevoli opere.
Ogni anno, al solstizio d'estate piu' di un milione di persone assiste al suono monotonico che il monolito noto come Great Rock lancia nel cielo appena viene illuminato dal sole del mattino (il fenomeno e' tutt'ora in fase di studio da parte dei litio- scienziati).

In questo mondo le persone che soffrono di calcolosi sono considerate leggende viventi, spesso sono vittime di maniaci che bramano ossessivamente di conoscere che cosa c'e' scritto all'interno del loro corpo.

Non e' un mondo tanto diverso dal nostro, forse piu' silenzioso.
L'antico proverbio: "La parola e' di sasso, il silenzio e' d'oro" proviene da qui.

Riporto la traduzione di una poesia del grande poeta Koh-I-Noor che compone utilizzando pietre nobili:

Granito berillio tormalina e pirite
Calcite e ferro, nichel e malachite
mica, silice, onice e feldspato
rubino, diamante, zaffiro e granato
Tags:
 
 
Current Location: mondo sasso
Current Music: Rolling Stones