?

Log in

No account? Create an account
 
 
03 July 2012 @ 11:27 am
I banali casi dell'Ispettore Caprifoglio (Il marito scomparso)  
Nell'ufficio polveroso solo la spia della segreteria telefonica rompeva l'oscurita'.
L'ispettore Caprifoglio sedeva sulla grande sedia di pelle e sbucciava fagiolini.
Li prelevava da un sacchetto che aveva sulle ginocchia e dopo averli privati delle estremita' li posava sul piano della scrivania, allineati come soldati.
"Potevo scegliere un modello senza spia" - disse a voce alta mentre pensava alla segreteria.
Del resto quell'aggeggio non serviva a nulla, qualcuno lasciava messaggi ma lui non era mai riuscito a capire come ascoltarli, percio' rimaneva li' ad occupare spazio con quella spia lampeggiante che lanciava nel buio il suo solitario ed inutile grido.

Quando suono' il telefono aveva appena finito e stava ripiegando il sacchetto di plastica in un perfetto triangolo isoscele.
Dopo averlo riposto nel secondo cassetto (dove si trovavano decine di sacchetti uguali) afferro' la cornetta e rispose.
"Ispettore Caprifoglio, deve venire subito" - disse la voce
"Dove?" - chiese
"Vico del Faro 23 il nome sul citofono e' Ferrari" - rispose
Butto' giu' senza replicare, fece scivolare i fagiolini dentro una scatola e dopo aver inforcato gli occhiali usci'.
Arrivo' nell'appartamento mezz'ora dopo, c'era troppa luce per i suoi gusti e nemmeno un fagiolino.
Una donna piangeva in un angolo, un agente cercava di consolarla senza grandi risultati cosi' se ne stava li', la mano sulla spalla in un imbarazzante silenzio.
"Cosa e' successo?" - chiese Caprifoglio
"La signora Verzuti ha denunciato la scomparsa del marito" - rispose l'agente.
"Signora si calmi, piangere non fara' tornare suo marito piu' in fretta, anzi se vuol sapere come la penso, se io fossi suo marito me ne starei ben lontano dai suoi lamenti, capisce cosa intendo?" - chiese l'ispettore che non era famoso per il suo tatto.
"Mmio, mmio marito e' uscito stamattina e non e' piu' tornato..." - disse la donna
"A che ora?"
"Saranno state le 8, piu' o meno, stavo guardando l'oroscopo dell'estate su telerombo sa quello condotto da Ester Semafori"
"E cosa le ha detto?" - chiese Caprifoglio
"Che l'ingresso di Marte in Bilancia mi renderà intraprendente in campo progettuale, che la fortuna si manterra' ai soliti livelli e che per quanto riguarda l'amore avro' una piacevole sorpresa.." - rispose quella
"Intendevo cosa le ha detto suo marito prima di uscire" - ribatte' spazientito l'ispettore
"Ah, lui, la solita frase: "Esco, ci vediamo"
"Capito e perche' pensa al peggio se posso chiedere?"
"Perche' non e' da lui tardare, di solito a quest'ora e' gia' rincasato!"
"Prima di muoverci per niente e' meglio aspettare, senta non e' che ha delle noci da rompere nel frattempo?"
"Noci?" - chiese la donna
"Si, ha presente i frutti di quelle piante angiosperme dicotiledoni della famiglia delle Juglandaceae?"
La donna rimase in silenzio con la bocca semiaperta incapace di ribattere alcunche'..."
"Tutti hanno in casa noci che aspettano solo di essere liberate dal guscio" - aggiunse l'uomo
"Si noci, ne ho un sacco pieno, mia sorella... insomma sono dentro la credenza" - disse poi la donna come ipnotizzata.

L'ispettore apri' lo sportello e trovo' un sacchetto di iuta.
Lo sollevo' e constatando il peso un sorriso gli apparve sul volto.
"Ora se la signora avesse la gentilezza di dotarmi anche di uno schiaccianoci potrei cominciare il mio lavoro" - disse Caprifoglio.
"Io posso andare?" - chiese l'agente che nel frattempo era rimasto nell'angolo immobile come una scopa
"Certo certo, qui ci penso io, e aspetti a fare rapporto" - rispose
L'uomo saluto' e lascio' la casa, benedi' l'intervento dell'ispettore e si diresse verso la posta per pagare un paio di bollette.

Caprifoglio comincio' a rompere le noci, dopo aver frantumato il frutto lo passava alla donna che lo ripuliva e lo posava dentro una tazza.
"Povero Manlio" - diceva ogni tanto la donna
"Stia tranquilla, tutto si aggiustera'" - rispondeva Caprifoglio.
Il resto era silenzio dove pareva fossero all'opera solo i denti di uno scoiattolo vorace.
Passarono i minuti e quando l'orologio suono' l'una ecco che il rumore di una chiave nella toppa della porta di casa fece trasalire la donna.
"Su su, non si fermi, e' solo suo marito che rientra" - disse Caprifoglio
E in effetti poco dopo giunse in cucina il signor Ferrari.
La donna balzo' in piedi, qualche frammento di guscio che aveva sulle ginocchia fini' per terra, abbraccio' il marito con foga, questi guardava verso l'ispettore con aria interrogativa.
"Dove eri finito?" - chiese poi
"Ho incontrato un vecchio compagno di scuola, tra i ricordi il tempo e' passato senza che me ne accorgessi". - rispose
L'ispettore Caprifoglio ruppe un ultima noce e si alzo' in piedi pulendo la camicia con la mano.
"Qui ho finito" - disse
"Anche se per tutte quelle noci ci vorrebbe molto piu' tempo" - aggiunse indicando il sacco.
"Non so come ringraziarla" - disse la donna
"Dovere!" - rispose
"E lei, se dovesse tardare un altra volta, faccia una telefonata a casa!" - disse rivolto al marito, poi raccolse un gheriglio dalla ciotola, lo' infilo' in bocca ed usci'.
Prosit
Tags: ,
 
 
Current Location: Casa Ferrari
Current Music: Mina - Ma chi e' quello li'