?

Log in

No account? Create an account
 
 
10 July 2012 @ 02:50 pm
Gli attaccabottone  
ATTACCABOTTONE (D'ora in poi nominati come AB (Qualcosa)
Chi prende a chiacchierare con chiunque e non smette facilmente

Parte prima: Conosci il tuo nemico

Sono questi individui molesti naturalmente dotati di poteri occulti in grado di far perdere tempo al prossimo.
Qualche ipotesi sul perche' siano spinti da questa voglia irresistibile:

Sono dipendenti di una fantomatica banca del tempo perso.
Sono afflitti da qualche forma di solitarismo cosmico e cercano nella costante presenza altrui un qualche conforto.
Vedono nel prossimo l'orsacchiotto spelacchiato da stringere nei momenti di bisogno.
Adorano rompere i coglioni.

Parte seconda: Come si riconoscono

Ovviamente la vittima ricordera' per sempre l'AB che lo ha inchiodato al muro (la prima volta non si scorda mai) ma come riconoscere un nuovo pericolo nelle vicinanze?
E' praticamente impossibile, tuttavia minuscoli segnali potrebbe aiutare la vittima a scappare l'istante prima di essere braccata (se avete visualizzato l'impala che beve nella pozza e scorge nel riflesso dell'acqua il felino che balza, avete bene in mente la situazione).
Alcuni AB hanno occhi che si muovono come la parabola di un radar, altri aprono e chiudono le mani con movimenti spasmodici, ad altri esce dalle labbra un filo di bava, altri ancora mostrano tic.
Se notate qualcuno di questi segnali scappate e non giratevi indietro finche' non sarete in un posto sicuro (tipo dentro il caveau di una banca difesa da guardie armate, branco di Rottweiler e gas nervino)

Parte terza: L'incontro nefasto

La verita' e' che l'AB ha una percentuale di approcci andati a buon fine che sfiora il 98%, percio' rassegnatevi e proseguite con la lettura.

Il rituale di approccio e' sempre lo stesso, le frasi piu' usate le seguenti:

"Giusto te"
"Guarda chi c'e'"
"Scusa se ti disturbo"
"Hai cinque minuti?"

L'AB, una volta individuata la vittima, si muove rapido e letale come un siluro.
Se non si riesce a scappare prima, la probabilita' di sfuggire ad un suo assalto e' a quel punto bassissima, immaginate che dentro di lui convivano tre individui: un venditore di Folletto, un missionario dell'Euroclub e un testimone di Geova e che stiano costantemente litigando per mettere il piede sullo zerbino che avete davanti alla porta di casa.

Solitamente il nefasto essere vi chiude in un angolo dal quale potrete uscire solo se sara' lui a volerlo.
Altre volte prende un oggetto che vi appartiene e non ve lo rida' finche' non avra' ritenuto conclusa la conversazione.
Nella maggior parte dei casi pero' non ha bisogno di quanto sopra, la sua parlantina monotonica e logorroica e' sufficente per bloccarvi come se foste finiti dentro un barile di colla cianoacrilica.

Un esempio di conversazione registrata dal vivo:

"Giusto te, cosa ci fai qui?" - chiede AB
"Passavo per caso..." - risponde il malcapitato, (si puo' notare un timido tentativo di evasione che sara' subito stroncata dalle successive parole)
"Allora senti qui, hai presente l'ufficio fondi sociali?"
"..." (la vittima sta in silenzio ma se avesse parlato avrebbe solo fornito nuovo materiale ad AB)
".. una volta si trovava in Piazza Adimonti ma poi e' stata trasferita e siccome c'era questo mio cugino che ci lavorava, chiedevo sempre a lui ma adesso che non c'e', e faceva sportello, non sai quante me ne ha raccontate, eh si perche' ci sono dei personaggi che fanno richieste assurde, sai la gente come e' no? E pensavano che lui potesse risolvere qualunque problema, anche non di sua competenza, figurati lui che e' stato anche nell'azione cattolica ha un carattere... ma e' buono, sai un pezzo di pane? E cosi' lui cercava di ascoltare e anche se non ci poteva far nulla, li indirizzava in questo ufficio o nell'altro e faceva telefonate, si preoccupava insomma di aiutare il prossimo, che poi, diciamocela tutta, se non ci aiutiamo tra
di noi chi ci aiuta? Lo stato? Ma fammi il piacere... (si noti come l'AB faccia domande a cui risponde da solo).
Si noti anche l'oggetto della conversazione a canale e senso unico, infine si noti pure l'enorme numero di parentesi aperte e mai chiuse note come l'effetto Matrioska).

La conversazione prosegue finche':

Muore la vittima (probabile)
Muore l'AB (impossibile)
L'AB, forse osservando il sangue che ha cominciato a scendere dalle orecchie dello sfortunato interlocutore, decide di trovare una nuova vittima

Parte quarta: La dura verita'

Se vi e' venuto in mente che sarebbe bellissimo che un AB ne incontri un altro e si annullino a vicenda, mi dispiace rivelare che la natura non lo permette, gli AB si riconoscono e si evitano.
Prosit
Tags:
 
 
Current Location: per strada
Current Music: Jherek Bischoff (Insomnia, death and the sea