?

Log in

No account? Create an account
 
 
31 October 2012 @ 10:44 am
Halloween  
Dolcetto o scherzetto?

La tradizione celtica della notte di Ognissanti da qualche tempo è arrivata anche da noi.
Personalmente, prima di dolcetto o scherzetto quella notte era nota per l'attesa del grande cocomero
Le strisce dei Peanuts sono state per la mia infanzia quello che ora è Facebook per i ragazzi di oggi.
Ogni anno Linus con la sua coperta come unica compagnia attendeva l'arrivo del grande cocomero che avrebbe premiato l'orto più sincero.

Ma come si svolge la festa da noi? Intendo quando la tradizione si scontra con lo spirito Genovese?
Immagino scene di questo tipo:
Driiin - suona il campanello
"Ou belin chi u lè che rumpe u belin a questua?" (Accipicchia chi mi importuna a questa ora inconsueta?) - dice il padrone di casa e trascina le ciabatte fino dalla porta di ingresso.
Dopo aver messo il catenaccio apre una spiraglio e vede tre bimbi vestiti in modo buffo
"Dolcetto o scherzetto?" - dicono quelli all'unisuono
"Ma anè a lauà! Foa dae balle o ciammu i carabinè!" (Andate a lavorare o chiamo i carabinieri)

A volte la scena è ancora più breve
Drrin, dolcetto o scherzetto!!?
e una voce dal profondo della casa risponde: "Emu sza detu trei ani fa, nu pigeve l'abbitudine!" (Abbiamo già dato tre anni fa, non prendete l'abitudine!)

Dunque non è una vita facile per i poveri bimbi che pensano di tornare a casa con il cestino pieno di caramelle.

Concludo con una celebre striscia dove Charlie Brown e compagni sono appena tornati dal loro giro di dolcetto e scherzetto.
Ognuno descrive agli altri quello che ha nel cestino:

"A me è toccato un leccalecca!" - dice Lucy
"A me una striscia di liquirizia!" - dice Piperita Patty
"A me una tavoletta di cioccolato! " - dice Linus
"A me è toccato un sasso" - conclude Charlie Brown (forse era passato dalle nostre parti)

Prosit
cocomero
 
 
Current Music: Lousi Philppe - Sunshine
 
 
 
fuchsia_gfuchsia_g on October 31st, 2012 03:27 pm (UTC)
Sullo zerbino di saggina marroncino, il sig. Parodi ha pensato bene di tracciare a pennarello indelebile nero la scritta Bai-Bai, così come ha visto fare dalla nipotina di sette anni nel proprio quaderno d’inglese. Già questo dovrebbe essere un chiaro invito. Poi, certo, lui non si farà trovare impreparato.
Di anno in anno, conserva carte e stagnole d'ogni qual sorta di dolcetti e non c'è meglio d'una mosca trapassata a miglior vita, di big bubbles raschiate via dalle panchine dei giardinetti, larve d’insetti o tafani appena appena spiaccicati…insomma, Halloween, e senza spendere un soldino.
Immagina i loro visi ansiosi di suonare a più porte possibili , poi l’attesa nell’aprire quei cartoccini colorati e la sorpresa..
La verità è che lui ha un cuore proprio grande.


( potrei avere il lecca lecca, la striscia di liquerizia, la tavoletta di cioccolato ed anche un sasso tondo tondo e gentile?:-)