?

Log in

No account? Create an account
 
 
30 May 2013 @ 11:45 am
L'attesa  
Puoi aspettare solo un attimo che devo fare il cambio degli armadi?
Puoi darmi un secondo che devo mettere il parquet in un paio di stanze?
Mi concedi cinque minuti che volevo svuotare il box?
Un secondo e sono da lei, il tempo di risuolare un paio di stivali, il tempo di imparare a memoria il vocabolario e avra' tutta la mia attenzione.

Aspetti il tempo che serve, tutto il tempo necessario, dipendi e pendi dalle labbra di chi ti dira'.
Nel frattempo diluisci attese nel frappe', le giri con il cucchiaino, le aspiri con la cannuccia finche'
sul fondo non rimane che la schiuma, quella che fa quel rumore che non e' bene far sentire perche' e' poco educato e allora occorre calcolare alla perfezione il momento in cui fermarsi.
Il giusto equilibrio tra il beneficiare totalmente della bibita e lasciar sul fondo quel che basta.

L'attesa colora di straordinario l'ordinario, ma solo se quest'ultimo e' ordinato.
In caso di confusione, caos, disordine, ottenebranza e nebbia che si taglia con il coltello, e' sconsigliato nutrire qualunque tipo di speranza.
Vietato percio' desiderare, sognare, augurarsi, auspicare, illudersi, fantasticare.
Se vi trovate dunque in questa situazione cercate di trascorrere il tempo occupando il cervello.
Risolvete complicati enigmi, cercate matasse e successivi bandoli, ingarbugliate e sgarbugliate lacci da scarpe, svuotate il sacchetto dell'aspirapolvere sul tavolo ed elencate in ordine alfabetico tutti gli
oggetti aspirati, contate i capelli finiti nello scarico del lavandino, contate le crepe nel pavimento,
contate quelle sul vostro viso, contate su qualcuno scelto a caso dall'elenco telefonico solo perche' il suo cognome vi infonde fiducia, create con il pongo statuette a forma di babbollo e guardatele sciogliere al sole sull'assolato davanzale del vostro cesso.

Aspettare fa schifo, far aspettare fa schifo, gli unici a guadagnarci qualcosa sono i venditori di pop corn: Metter qualcosa sotto i denti durante l'attesa impedisce di farli digrignare.
Prosit