?

Log in

No account? Create an account
 
 
13 July 2014 @ 12:35 pm
Il caffè al Ginseng  
Quale malia mi ha rapito quando ho assaggiato questa mistica bevanda che il caso ha voluto scegliessi per sbaglio.
Nel quotidiano digitare i miei polpastrelli hanno, in un momento di: "Affronto mille tasti al minuto che vuoi che sia scegliere una bevanda premendo un enorme tasto rosso retroilluminato..." peccato d'orgoglio e invece che un espresso hanno scelto il caffè al Ginseng.
Ma qui viene il bello perché mentre da buon Zeneize mi rassegnavo a bere quella che pareva una broda dall'aspetto più simile ad un piatto di minestrone che ad un caffè, un profumo orientale si è insinuato nelle mie narici regalandomi una scossa lungo la schiena.
Già mi sentivo in paradiso, sdraiato su una soffice nuvola, allietato dal duetto Jimi Hendrix - Freddy Mercury, quando le mie papille gustative hanno sfiorato il soffice liquido unendosi al duo innalzando nei cieli celesti un inno alla godevolezza.
Il caffè al Ginseng è soprattutto schiuma, così densa che il bastoncino rimane dritto e così vellutata che pare di avere in bocca un pezzo di broccato del duca visconte di Modrone.
Ma questo elisir ha molte altre proprietà, aumenta la concentrazione (soprattutto quella nei pressi della macchina del caffè) combatte i radicali liberi, la forfora e quella sensazione di ogni giorno quando ti senti una pedina inutile dentro una scatola sbagliata di un gioco senza istruzioni.
Si dice che il suo uso prolungato porti ad allucinazioni, tipo vedere il vostro capo che vi dà una mano, arrivare in orario con il treno, scoprire che nel secondo cassetto della scrivania ci sia mezzo chilo di anfetamina e il numero di telefono dell'acquirente.
Ho cercato in rete gli ingredienti di tale portento e ho trovato le notizie più svariate.
La bevanda contiene caffè e estratto di ginseng ma anche lattosio, zucchero e succo di moquette.
Scorze triturate di anacardi, polvere di magazzino, muffa di armadio di casa di campagna, pagine di vecchie riviste polverizzate sono gli ingredienti che gli donano quel profumo unico.
Forse contiene anche droga perché non ne posso più fare a meno, vi lascio vado a bermi un delizioso, saporito, schiumoso bicchiere di caffè al ginseng.
Prosit
 
 
 
capracottacapracotta on July 22nd, 2014 09:55 pm (UTC)
I produttori di Ginseng devono essersi accordati per conquistare il mondo: da me è arrivata una nuova apposita macchina in comodato e in molti sono rimasti soddisfatti dalla nuova bevanda. A me sembra... caffelatte in cui hanno lasciato a bagno una radice. :|