?

Log in

No account? Create an account
 
 
21 December 2014 @ 09:10 am
Ics Files Il dono dei Magi (la conclusione)  
Non passò molto tempo prima di rivedere la donna uscire da quel vicolo, teneva sotto il braccio un grosso pacco fasciato da carta azzurra decorata con motivi di astronavi e stretto da un grande fiocco rosso che pareva di velluto.
Anche Max era uscito dall'armeria e con un grande sorriso stampato sulla faccia era seduto su un sedile in fondo al tre barrato. Stringeva in mano una scatola fasciata da carta argentata.
"Chissà come sarà contenta Jelly quando vedrà il regalo!" - pensava e intanto faceva le boccacce ai passanti.
Rientrarono entrambi nell'edificio FBI poco dopo. Max per non farsi riconoscere si era messo il badge in tasca mentre Jelly era passata per la porta sul retro che aveva lasciata scostata quando era uscita.
Quando l'uomo entrò in ufficio lo trovò deserto, nascose così il suo regalo nel cassetto e si sedette alla scrivania fingendo interesse per lo schermo che non aveva ancora acceso.
Jelly aveva messo il suo regalo dentro un vecchio imballo della stampante e quando entrò in ufficio, senza degnare di uno sguardo il collega, lo infilò sotto la scrivania e si sedette a sua volta.
"Dove sei stata Jelly?" - chiese allora Max
"Uh niente, dovevo... si recuperare... cioè sono stata... da Spinning, si mi ha chiamato il direttore e comunque tutto risolto..." - rispose
"E cosa voleva il direttore?" - chiese Max
"Ma niente, si trattava di una questione burocratica, tutto a posto, non preoccuparti" - rispose la donna
"E come mai hai portato in ufficio quello scatolone?" - chiese ancora
"Perchè mi piace poggiare i piedi su qualcosa quando sono seduta qui..."
"Ah capito, roba da donne..." - buttò lì Max che considerava quel mondo più misterioso del triangolo delle Bermude
"Proprio così, sai noi donne amiamo tenere le gambe sollevate, sai per la circolazione, la corretta postura..."
Max se ne stette e passò il resto del tempo cercando di capire come mai il monitor non funzionava.
Trovò il tasto di accensione nel tardo pomeriggio, e impiegò comunque una buona mezz'ora per capire che il tasto andava premuto e non ruotato.
Ogni tanto apriva il cassetto per controllare che il regalo fosse sempre al suo posto, ad ogni occhiata sentiva uno strano calore salirgli dal cuore.
Guardò l'orologio, mancavano cinque minuti alla fine dell'orario, era l'ultimo giorno di lavoro prima delle vacanze natalizie.
Erano già venuti a fare gli auguri Reginald e Mc Bosley così come quella sciocca segretaria dell'archivio e perfino l'uomo delle pulizie aveva scostato la porta per augurare loro buone feste.
Quando la lancetta delle ore si posò sulle cinque Max balzò in piedi e disse: "E' venuto il momento degli auguri!"
Jelly alzò gli occhi dalla scheda medica che aveva finto di leggere per tutto il pomeriggio e disse: "Proprio così e Max, a volte ti sarò sembrata rude, i miei modi addirittura violenti, spesso ti ho risposto con sufficienza e dato poco peso a quello che mi dicevi ma voglio che questa festa sia un occasione per seppellire tutte le acredini e farti i miei più sinceri auguri di un felice Natale..." - disse e tirato fuori lo scatolone lo posò sulla scrivania, "Questo è un pensiero per te.
"Oh Jelly ma come sei cara..." - disse e cominciò a scartare il regalo con la stessa emozione di quando aveva sei anni.
A Max tornarono alla mente i vecchi ricordi di bambino, la magica notte nella quale aveva atteso invano Babbo Natale pronto a scattargli una foto da mostrare in classe, quella in cui aveva preso suo padre dentro la trappola destinata al vecchietto vestito di rosso, la volta che aveva dato retta al suo compagno di banco Milton ed era stato tutta la notte a fissare il water (eppure gli era sembrata strana la notizia che quell'anno i doni li avrebbe portati passando per lo scarico).
Max levò il fiocco, strappò la carta, gettò via il polistirolo dell'imballo e quando si trovò in mano la teca si mise a piangere.
"Oh Jelly..." - disse singhiozzando
"Oh Jelly..." - ripetè
"Sono contenta che ti piaccia, ora potrai riporre quel modellino a cui tieni tanto..." - disse lei
Max continuava a piangere e dopo qualche minuto Jelly cominciò a pensare che quelle non erano lacrime di felicità... "Ho sbagliato qualcosa Max? Non ti piace il regalo?" - domandò
"No Jelly, il regalo è bellissimo, hai avuto un pensiero meraviglioso e non vedrei l'ora di riempirla con il mio modellino se non fosse che..."
"Se non fosse cosa...?"
"Beh, volevo farti un regalo ma non avevo i soldi così ho venduto il modellino per prenderti questa..." - disse e tirato fuori il suo regalo lo affidò alla donna
"Max... ma non dovevi..." - disse lei e si mise a scartarlo, dopo pochi istanti si ritrovò in mano la fondina e scoppiò a ridere.
"Non ti piace il formaggio Jelly? Io pensavo che avresti gradito una..." - disse ma venne interrotto dalla donna che con le lacrime che scendevano a colorare la pelle disse: "Max hai avuto un pensiero bellissimo ma io... beh è davvero buffo ma ho venduto la mia pistola a quei nerd del negozio per comprarti la teca..."
"Accipicchia ma adesso abbiamo due regali inutili!" - esclamò Max
"Non sono inutili perchè sono doni del cuore, con il prossimo stipendio mi ricomprerò una pistola e potrò usare la tua meravigliosa fondina..."
"E io farò uguale con il modellino ma nel frattempo ho pensato che potrei riempire la teca d'acqua e usarla come acquario..."
"Così la prossima volta che mi vorrai fare un regalo, e dovrai uscire, avrai una scusa plausibile!" - disse lei ridendo
"Ah ah, già!" - rispose lui
"Magari già che ci sei mettici anche un pesce rosso..."
"Si giusto un pesce, certo..."
Poi si guardarono negli occhi lucidi e si strinsero in un lungo, caldo, appassionato abbraccio.
Mentre fuori cominciavano a cadere i primi fiocchi di neve e la gente per strada si stringeva nei cappotti, in quel piccolo e grigio ufficio i nostri agenti preferiti se ne stavano abbracciati a godere dei loro regali inutili. A guardarli da lontano parevano proprio una pistola nella fondina o un modellino nella teca.
Prosit
Tags: ,
 
 
 
cockelberrycockelberry on December 21st, 2014 11:46 pm (UTC)
Auguri a Max, Jelly e a te, socio! ;-)
bustonebustone on December 24th, 2014 01:42 pm (UTC)
Max e Jelly ricambiano di cuore e io con qualche altro organo nelle vicinanze... AUGURI!!!