?

Log in

No account? Create an account
 
 
23 December 2014 @ 08:48 am
La domanda 4158  
Me lo ricordo come fosse ieri quando apparve. Per la domanda 4158 scelsero il cielo in modo che tutti potessero leggerla.
Quel giorno stavano tutti con il naso all'insù, chi la indicava con il dito, chi la commentava con il vicino, era sulla bocca di tutti ed era una domanda così misteriosa che fece parlare di se per giorni. Ai telegiornali aveva l'onore di essere nominata per prima, con lei cominciava il giornale e alla radio, tra una dedica e un brano musicale, c'era sempre qualche parola a lei dedicata.
Ricordo che stamparono poster e magliette e che un artista di strada ne fece una riproduzione distorta sul muro del municipio.
L'amministrazione la trovò così ben fatta che invece di coprirla con la vernice, come era solita fare, mise ai voti l'installazione di una copertura in plexiglass che sarebbe lì ancora oggi a difendere l'opera dalle intemperie se non fosse che il terremoto del 56 distrusse tutta la zona ovest.
C'era chi dava spiegazioni filosofiche, altri si buttavano sullo scientifico, ricordo che ci fu qualcuno che la provò ad anagrammare e quello che ne uscì era il titolo di una canzone che aveva poco a che fare con il testo.
Tutti erano concordi nell'affermare che la domanda precedente, la 4157 fosse molto più semplice, infatti fu un bambino che frequentava la scuola elementare a dare per primo la risposta, ma questa era davvero ostica e dopo centoveseimila risposte ancora non si era trovata quella giusta.
Un tizio che passava per la città, un rappresentante di una ditta che commercializzava padelle per castagne, ci andò vicinissimo ma la risposta non fu considerata valida perchè non era completa e precisa
Quando arrivò alla scadenza e venne rimpiazzata con la nuova (che tutti ricevettero via sms) presto venne dimenticata e anche se oggi è rimasta l'unica domanda senza risposta non è passata alla storia.
Si sa è più facile ricordare le vittorie che le sconfitte.
Prosit
Tags:
 
 
 
cockelberrycockelberry on December 23rd, 2014 10:24 pm (UTC)
Bello, surreale, ha un che di Orwelliana memoria. Mi piace!
bustonebustone on December 24th, 2014 01:40 pm (UTC)
Grazie socio!!!