?

Log in

No account? Create an account
 
 
14 February 2008 @ 02:52 pm
L'uomo senza i piedi per terra (parte 11)  
Quando furono di nuovo all’aria aperta Grigio parlo’: “Se ti stai chiedendo se sia legale fare quello che hai appena visto la mia risposta e’ no, se pensi che io abbia un tornaconto otterrai la stessa risposta, se pensi che tutto sommato e’ come fare la carita’ perche’ lasciar marcire un corpo buono e’ buttar via un dono dell’altissimo, chiunque esso sia, allora la pensiamo uguale percio’ non farmi domande.”
“Ne ho una sola” – disse Bernardo
“Sentiamo” – rispose Grigio
“Non mi avevi detto che ci voleva la penna di fagiano albino e l’inchiostro KO-IHN-OR e...”
“Te l’avevo detto che erano stronzate, ebbene, lo pensa anche padre Ivanov...” – concluse.
Si fermarono davanti al centro telematico pubblico, “Fai con calma, io intanto faccio un giretto qui intorno” – disse Grigio, Bernardo spinse la porta ed entro’.
Fu accolto dal ronzio dei monitor e dal rumore dei tasti che un basso personaggio nella postazione d’angolo stava premendo con una velocita’ e un impeto degno dell’ “Allegro con fuoco” del concerto per organo e musicista a dodici dita del compositore Arnaldo Klavinova.
“Probabilmente sta scrivendo una lettera di reclamo o forse ha qualche problema con la fidanzata” – penso’ poi si posiziono’ nel terminale piu’ lontano e avvicino’ l’occhio per il rilevamento della retina.
Il terminale si attivo’, digito’ i dati e effettuo’ l’accesso al conto della sua banca.
C’era stato il versamento di 856 tallerix come gli aveva detto la signorina-attenti-al-cane verde.
Inseri’ la carta e ne trasferi’ sopra duecento, gia’ che c’era controllo’ le previsioni del tempo e se per caso qualcuno gli avesse lasciato qualcosa nella casella di posta.
Tra una pubblicita’ di uno shampoo per schiarirsi le idee e l’offerta 3x2 delle industrie Cockelberry su l’attrezzatura da giardinaggio e la viteria in Cockelcromo trovo’ un messaggio di Herman:
“Ehi da quando fai la guardia del corpo non ti sei fatto piu’ vedere, qui ti stiamo tutti aspettando per stapparne una buona, fatti vivo!” C’era anche una foto allegata di tutta la compagnia seduta sul bancone.

A volte il caso e’ piu’ preciso della sveglia di un promemoria, torno’ sul sito della banca, trasferi’ 123 tallerix sul conto del Bar, e stava per effettuare il logout quando gli venne in mente il pavimento.
Si collego’ al sito del recupero crediti, e trasferi’ quanto dovuto, anticipo’ un mese e contatto’ una ditta che si occupava di ripristinare gli appartamenti alla quale dovette versare una quota e alla fine, tutto quello che gli rimaneva sul conto erano 23 tallerix, la classica farfalla che esce dal portafoglio vuoto.
C’erano i soldi sulla tessera, aveva un lavoro, non aveva di che lamentarsi.
Usci’ e trovo’ Grigio seduto sulla panchina dall’altra parte della strada.
Stava mangiando biscotti digestivi che prendeva da un lungo tubo. “Ehi hai gia’ pensato cosa fare con tutti i soldi che ti danno?” – disse sornione, “Ti va una galletta?” – aggiunse poi porgendo il tubo.
“Bernardo infilo’ la mano, il braccio spari’ quasi fino al gomito, non appena le dita sentirono la superfice rugosa del biscotto lo afferrarono e lo riportarono alla luce. Il colore non era come si aspettava comunque gli diede un morso, anche la consistenza lo stupi’.
“Mezzo tallerox per tutto il tubo, mica male no? E solo perche’ ne mancavano due” – disse Grigio.
Bernardo, quando non riusciva a rimediare i soldi per qualcosa di piu’ sostanzioso si era nutrito di banane e acqua per lunghi periodi, ma non era mai andato nei negozi di cibo usato.
“Allora? Ti piace?” – chiese Grigio che aveva briciole sulla giacca, sulle scarpe e intorno alla bocca.
“Si” rispose Bernardo ma l’aria poco convinta non piaque all’uomo.
“Ho capito, sei una signorina che vuole solo cibi dentro scatole ben chiuse... guarda che il cibo nutre anche se ha perso la fragranza, l’aspetto e l’odore di quando e’ stato preparato!...
Pensa che ieri ho trovato una confezione di legumi modificati quasi nuova a un prezzo cosi’ basso che stentavo a crederci! Ho levato la pellicola che la copriva, usato un po’ di antivegetativo e ho cucinato la frittata piu’ buona del secolo!
Le mie bambine vengono su bene, puoi starne certo!
E poi se hai paura delle malattie dovresti andare a fare una visitina nella cucina di un ristorante, allora la finiresti per pensare come me. Mio cugino Onofrio e’ ispettore sanitario, lo vedi questo?” – disse tirando fuori dalla tasca un minuscolo oggetto a forma di siringa, “Questo me lo ha dato lui, e’ un analizzatore alimentare, questa scala indica l’edibilita’ dell’alimento e questa spia il grado di pericolosita’, ad esempio guarda qui” – continuo’ e afferrato un biscotto lo mise accanto all’aggeggio.
Una piccola rampa si illumino’ di rosso, poi pian piano divento’ arancio fino a fermarsi su un verde acido. “Ecco, questi biscotti hanno mantenuto intatte tutte le proprieta’ nutrizionali, possono essere consumati senza timore anche tra sei mesi.” – concluse, poi raccolto un pezzo di biscotto caduto sull’asfalto se lo ficco’ in bocca strizzando l’occhio a Bernardo.
(continua)
Tags:
 
 
Current Location: Nel negozio cibi usati
Current Music: Liquid tension experiment - Minute warning
 
 
 
barneyp1barneyp1 on February 15th, 2008 02:41 pm (UTC)
Evvaiiii........