?

Log in

No account? Create an account
 
 
11 December 2006 @ 11:35 am
10 puntata  
Si accorsero di quello che veniva trascinato sul palco dal vociare che saliva dal pubblico, si voltarono e lo videro: un grande letto su ruote con una spalliera di ferro battuto a motivi floreali. Lo copriva un piumone giallo e soffice abbinato a due cuscini rossi come due mele mature.
Il botolo parlo': "Se non ricordo male voi avete acquistato un materasso Belson in lattice anallergico, proprio come quello che e' in questo letto" - disse e sollevo' il piumone per mostrarne un angolo, "E' grazie alla sua insuperabile conformazione a cinque strati successivi, alle sue zone di carico variato, al doppio strato naturale di cocco e foglie di granoturco che voi dormite sonni beati... ditemi quanti sogni avete fatto sopra questo paradiso?
Uno di questi sta per essere realizzato, un viaggio che come e' scritto qui comprende il volo piu' il soggiorno all inclusive per venti lunghissimi ed indimenticabili giorni!
Adesso le nostre vallette creeranno una zona, come dire, un poco piu' intima dove potrete prepararvi e poi il gioco avra' inizio!!" - concluse.

applauso

Apparvero portando un separe' di legno, lo aprirono come un ventaglio davanti al letto, li presero a braccetto e li accompagnarono dietro.
Cominciarono a spogliarli, con rapidi movimenti aprirono bottoni e cerniere e li lasciarono nudi con le sole mani per potersi coprire.
Davide era troppo sbalordito per fare o dire qualunque cosa, non era imbarazzato e questo forse era quello che piu' lo stupiva.
Aveva di fianco Letizia nuda, ed era come la ricordava, c'erano quelle due ragazze dagli occhi di ghiaccio che parevano due manichini privi di emozioni, c'era il pubblico di cui si sentiva il brusio, c'era quel letto.
La stronza che gli aveva telefonato per sincerarsi della loro presenza, aveva preparato tutto a puntino, non le importava nulla del buffet, voleva che loro ci fossero, quel letto aspettava solo loro. Non c'era stata una estrazione imparziale, perfino la morte della vecchia poteva essere una messinscena per creare attesa e poi il pubblico sembrava sapesse come sarebbero andate le cose, aveva paura.
Cosa stava per capitare a lui e quella invasata che sembrava aver spento il cervello ed essere disposta a tutto pur di imbarcarsi su quel fottuto volo Qantas?
Furono invitati ad infilarsi sotto le lenzuola, poi portarono via il separe' e si ritrovarono nella nuova ed insolita posizione accolti da un fragoroso applauso.
"Signore e signori!!" - disse il presentatore, "Possiamo cominciare, voi li' sotto state bene?" - domando' rivolto ai due con un sorriso ammiccante.
Letizia disse: "Alla grande!", Davide tiro' fuori una mano, il massimo che riusci' a fare.
"Bene" - continuo' l'uomo, "Chi di voi vuole cominciare?" - disse rivolto al pubblico.
Una signora con un viso bianco di cipria e due labbra ingigantite dal rossetto porpora disse: "Io, io!" e intanto teneva in alto il braccio come uno che sta annegando.
"Forza signora allora e voi potete abbassare le mani, verra' il vostro turno!"
La donna si alzo' in piedi e preso un foglietto dalla tasca del cappotto comincio' a leggere: "La prima volta che l'avete fatto li' sopra come e' stata?"
"Rispondete sinceramente, badate che mi accorgerei subito se state mentendo!" - disse il botolo strizzando un occhio.
Le due vallette, ai lati come due comodini, avevano un microfono in mano e sui visi un sorriso che pareva disegnato.
Letizia disse: "E' stato romantico, mi sembrava di vivere un sogno..."
Tutti aspettavano che anche Davide dicesse la sua, forse la prova consisteva nel valutare l'intesa di coppia o qualche altra stronzata del genere..
"La prima volta.." - comincio' a dire "E' stata una delusione" - concluse, era la verita'.
Il calcio che ricevette sotto le coperte gli fece subito capire che Letizia non era d'accordo, d'altra parte il botolo aveva detto di essere sinceri...
Fu lui a prendere la parola: "Ahi ahi ahi, apprezziamo tutti la sincerita' vero?" - disse rivolto al pubblico.
"Sei dei nostri!!" - urlo' l'uomo no-cravatta
"Ma purtroppo non posso darvela buona" - continuo' "Dovevate rispondere che la prima volta su un materasso Belson e' come volare!!"

applausi

Le vallette posarono i microfoni e presi due lembi del piumone lo fecero scivolare fino ai piedi del letto, dove si adagio' mollemente sulla moquette del palco.
Spunto' un lenzuolo verde sotto il quale ora si vedevano le sagome dei corpi nudi.
"Ma andiamo avanti, forza lei, si con quella camicia che non metterei nemmeno ad Halloween, faccia la domanda!" - disse il botolo rivolto ad un signore alto e magro che aveva in mano un foglietto identico a quello della signora.
"Si, ehm, dunque ecco, da quanto e quanto fate l'amore li' sopra?
Letizia mostrando ancora una volta un entusiasmo da mattina di Natale disse:
"Lo facciamo da anni e almeno un paio di volte a settimana, anche se nei weekend a volte, battiamo tutti i record!!"
"E l'uomo di casa cosa dice?" - domando' il botolo.
Davide disse: "Dopo la prima volta e' andata meglio, con la pratica, si insomma ma l'amore lo facevam, facciamo da tre anni e una volta al mese a essere ottimisti e' che lei non ne ha mai voglia, preferisce riordinare i cassetti o interrare i cactus..."
Questa volta Letizia gli pianto' le unghie nella coscia, pochi centimetri e Davide avrebbe detto addio al suo piu' caro amico.
"Ahi ahi ahi, non ci siamo ragazzi, una risposta buona sarebbe stata quella che sopra un materasso Belson e' sempre la prima volta!!"

applausi

Le vallette come se dovessero voltare la pagina di un libro, presero tra le dita due lembi del lenzuolo verde.
Tags:
 
 
Current Location: Su un comodino
Current Mood: chipperchipper
Current Music: Doobie Brothers - Long train running
 
 
 
(Anonymous) on December 11th, 2006 12:20 pm (UTC)
brr, non oso immaginare cosa li aspetta...
bella vena, ancora ancora!!:-)

p.s. l'elenco dei rivenditori del materasso, nelle pagine gialle, sì, e potrebbe essere un'idea per un nuovo reality, "acquistami che appari", ricchi premi ed oscuri segreti..

Anya
(Anonymous) on December 11th, 2006 08:44 pm (UTC)
Il racconto comincia a diventare inquietante...
luka