?

Log in

No account? Create an account
 
 
10 June 2011 @ 01:43 pm
Attacca & Stacca  
Nel mio palazzo non ci sono solo persone che e' meglio evitare in ascensore.
Ci sono persone che bisognerebbe incontrare nel momento in cui staccano dal vetro del portone, il piccolo manifestino che ricorda di andare a votare per il referendum.
Quando mi e' arrivato via mail, l'invito di apporre nel portone quel piccolo rettangolo di carta che ricorda ai distratti (se ancora ci fosse qualcuno che non lo sa) che e' bene andare a votare per mostrare che l'Italia tutta non e' un paese di idioti totali, ho pensato: "Perche' no?"
Cosi' la sera stessa sono sceso e ho appeso il manifestino.
Il mattino dopo, ore 7.30 era stato rimosso.
La sera successiva, ho ristampato, e l'ho rimesso al suo posto.
Al mattino dopo era ancora li' che mostrava i suoi bei SI.
"Chi la dura la vince" - ho pensato ma all'ora di pranzo qualcuno lo aveva di nuovo staccato.
Mi viene da pensare al motivo che spinge quel qualcuno a levare un messaggio di quel tipo.
Non indicava nessun simbolo o partito, non incitava, non intimava, non diceva nulla di insensato, svolgeva il suo timido e rispettoso ruolo di informare, c'e' liberta' di scrittura e c'e' quella di lettura.
Ora forse c'e' anche la liberta' di staccare i miei manifestini, ma a quale scopo?
Forse nel mio palazzo vive Montgomery Burns? Forse il signor Acqua Vera?
Non mi risulta, e allora?
Ho pensato che quel qualcuno potrebbe avere la mania dell'ordine, quel minuscolo rettangolino bianco rompeva l'armonia dell'atrio condominiale e gettava nello scompiglio il suo senso estetico cosi' quando e' uscito di casa per comprare la
settimana enigmistica ne ha approfittato per eliminare l'obbrobrio affisso (twice).
Va detto che l'atrio del mio portone, per quanto decoroso, non e' certo l'ingresso del Ritz, quel posterino donava perfino un tocco di novita'
che sono sicuro in molti hanno gradito, molti tranne lo sconosciuto con il pallino dell'ordine.
Ieri, mentre raccontavo ai miei colleghi l'accaduto, scopro che anche i loro manifestini hanno subito la stessa sorte.
Anche loro dopo la prima rimozione hanno insistito e anche loro si sono ritrovati con il vetro spoglio.
In ogni palazzo c'e' quindi almeno un essere abbietto che non sopporta i manifestini affissi.
Lo stesso essere che magari sputa e fuma in ascensore, non chiude mai il portone, leva la pubblicita' dalla propria cassetta per infilarla in quella del vicino, non saluta ed e' sempre il rompicoglioni che fa arrivare le riunioni di condominio oltre la mezzanotte.
Mi piacerebbe sorprenderlo nel momento in cui stacca il mio manifestino e dopo averlo spaventato (perche' arriverei da dietro silenzioso
come un gatto e griderei: Boohuongiorno!" gli chiederei: "Perche'?"
E sarei curioso di sentire il motivo perche' se io ho molti motivi per appendere quel messaggio al portone non credo che lui ne abbia altrettanti per staccarlo.
Prosit
 
 
Current Location: Nel portone
Current Music: ...
 
 
 
josephine_marchjosephine_march on June 10th, 2011 02:20 pm (UTC)
Sicuro che non abiti nel mio condomio?
claudia: amy - uhm?florealpolla on June 10th, 2011 02:20 pm (UTC)
I vicini di casa sono sempre un mistero. Qua da me hanno levato il biglietto di ringraziamento che Lucia aveva messo su dopo la morte della madre, per ringraziare i vicini stessi delle condoglianze ricevute... Bah,

Io non ce l'ho il volantino, qui da me come minimo gli darebbero fuoco (ed è già successo).
^^;;;
fiona_mckenzie: a2a gene 2fiona_mckenzie on June 10th, 2011 02:26 pm (UTC)
tutto questo perché i vicini di casa non si possono scegliere, purtroppo :(