?

Log in

No account? Create an account
 
 
06 June 2012 @ 11:27 am
Amazing Spiderman Num. 122  
L'uomo ragno tiene tra le braccia la sua fidanzata morta mentre il suo piu' acerrimo nemico Goblin lo tempesta di zucche esplosive.
Mai un fumetto era entrato cosi' nelle mie viscere, nessuno aveva scardinato i miei sentimenti in quel modo, poteva esistere un arcinemico cosi' crudele?
Facciamo un passo indietro.
Il mite (questo l'aggettivo che da sempre viene usato per descrivere il ragazzo) Peter Parker e' il classico topo di biblioteca, (oggi si direbbe che appartiene a tutti gli effetti alla categoria dei Nerd).
Lo conosciamo che e' orfano e vive con la coppia di zii Ben e May.
Un bel giorno viene morso da un ragno radioattivo che piu' che dotarlo di grandi poteri lo affligge con grandi casini.
Prima era uno sfigato studente le cui azioni non influivano sulla vita di nessuno, (la classica farfalla che se sbatte le ali in America al massimo qualcuno molla una scureggia a Catanzaro) ma ora deve fare i conti con le sue scelte.
La prima che gli viene messa davanti e' quella in cui deve decidere se fermare un ladro oppure no.
Basterebbe allungare un piede e fare uno sgambetto ma in quel momento ha lo scazzo, lascia perdere e riceve l'abbonamento a vita per il parco dei divertimenti "Casini certi everyday".

Il ladro riuscira' a fuggire e uccidera' qualche giorno dopo suo zio Ben, quando Peter si accorgera'di quello che avrebbe potuto cambiare semplicemente allungando uno stinco cade in depressione.
Oggi Spidey andrebbe in terapia, a quel tempo invece andava di moda chiudersi in se stessi e riempire intere pagine di balloon pensierosi.

Peter in linea con la tradizione si cuce un bel costume, inventa i lancia ragnatele, comincia a fare il fotografo per il Daily Bugle mentre dentro di lui esplodono continue tempeste.
Va all'universita' dove tutti lo prendono per il culo, si fa menare per non svelare la sua identita', ha una piccola storiella con una tipa (niente di serio) e cerca di badare alla povera zia May che da quando e' rimasta vedova soffre terribilmente.
Va detto che la Zia e' la vecchina sminchiata piu' longeva della storia ed e' cosi' ben caratterizzata che sfogliando le pagine par di sentire odore di te' e violetta di Parma.
E' il pensiero di sottofondo che e' sempre nella mente di Peter, un po' come il ticchettio della sveglia per Capitan Uncino.
Nei rari momenti in cui il nostro ragazzo e' tranquillo ecco che riceve una telefonata del vicino di casa che gli comunica che zia May e' caduta mentre potava le rose e che lo aspetta all'ospedale per farsi compatire e fare a pezzi la sua coscienza.

L'uomo ragno ha nemici nella vita di tutti i giorni e arci nemici quando indossa il costume rosso e blu.
I nemici dell'uomo ragno sono ridicoli.
E' vero, mettono in pericolo la sorte del ragno ma a pensarci ora neppure quando uniscono le forze e diventano i sinistri sei impensieriscono il nostro eroe.
Peter puo' temere un vecchio avvoltoio? Un esperto di trucchi cinematografici come Mysterio? Un uomo di sabbia a cui manca solo la paletta per costruire castelli utilizzando le proprie chiappe?
Vogliamo parlare del costume di Kraven che sembra un membro degli Imagination o dei tentacoli di octopus nei quali finisce sempre per inciampare?
Perfino il potere di Electro viene vanificato dalle ragnatele isolanti (per una sorta di rovesciamento dei ruoli l'uomo ragno sconfigge i suoi nemici utilizzando le conoscenze scientifiche di Peter).

Dunque questi nemici prima appaiono singolarmente, poi in gruppo ma quando appare Goblin le cose cambiano.
A ben pensare il suo costume da folletto e' bizzarro ma non ho mai osato definirlo ridicolo perche' mi faceva cagare sotto.
Goblin e' un genio pazzo che vuole distruggere l'uomo ragno.
Non vuol rapinare una banca o distruggere la citta', no, per motivi ancestrali basa la sua esistenza sull'annientamento dell'aracnide.
Non so cosa aveva mangiato Stan Lee quando ha creato il personaggio ma doveva essere piccante.
Dopo qualche scontro nei quali Spidey esce vincitore e Goblin riesce sempre a fuggire, quest'ultimo si mette a far sul serio.
Per prima cose scopre l'identita' segreta del nostro eroe e dopo averlo smascherato lo trascina per i cieli di New York appeso ad una fune.
Se gia' sembrava una cosa mai vista nessuno era preparato al seguito, il folletto verde se la prende con i suoi cari.
Arriviamo dunque al numero sopracitato.
Spidey arriva sul ponte di Brooklin dove trova Goblin che ha rapito la sua fidanzata Gwen
Manco il tempo di dire belin che la poverina viene gettata nel vuoto.
Spidey si getta in suo soccorso, lancia una ragnatela con la quale riesce ad impedire la caduta nelle acque sottostanti (quando la ragnatela la raggiunge si sente un rumorino di cui parlero' dopo).
Quando recupera la poverina pero' si accorge che e' cadavere.
Morta, dead, irrimediabilmente defunta.
No e' che quando uno legge queste storie immagina sempre che la ragazza stia dormendo, sia in realta' una copia, un pupazzo, abbia solo finto la morte ma non nel numero 122
In questo agghiacciante numero Gwen Stacy viene uccisa dal folletto verde, definitivamente.
Ora i fans hanno discusso a lungo su quel rumorino di cui sopra.
Ci si chiedeva se Gwen fosse incosciente ma viva quando viene gettata nel vuoto da Goblin e fosse stata la ragnatela di Spidey a procurarne la morte spezzandole la spina dorsale...
Un ipotesi che avrebbe buttato altro guano sopra la coscienza di Peter...
Si fini' per credere alla storia cosi' come era narrata, Gwen era gia' morta prima dell'arrivo di Spiderman, il dialogo in copertina e' chiaro:

Goblin che a bordo del suo pipistrello meccanico sta gettando zucche esplosive sulla testa di Spidey: "Guarda in su Arrampicamuri, prima ho ucciso Gwen Stacy e ora e' il tuo turno!"

Spidey che ha tra le braccia il corpo senza vita dell'amata risponde: "Sbagliato Goblin, hai ucciso l'unica ragazza che io abbia mai amato e oggi e' il giorno in cui morirai anche tu!"

Dunque la morte torna a visitare Peter, e cosa mai fara' per vendicare la povera ragazza?
Uccidera' Goblin

Fino ad allora i nemici finivano in galera, perdevano i poteri, la memoria, erano resi inoffensivi.
Gli eroi se la vedevano brutta, si laceravano il costume, uscivano malconci dagli scontri ma niente di piu'.
Dopo aver letto il numero 122 ho capito che il mondo Marvel non sarebbe piu' stato lo stesso.

Nella classifica dei cattivi di tutti i tempi Goblin si classifica (solo) tredicesimo
Volete sapere chi ha strappato al folletto verde la vetta della bastarditudine?
ecco:

1. Magneto
2. Joker
3. Dottor Destino
4. Lex Luthor
5. Galactus
6. Darkseid
7. Ra's Al Ghul
8. Loki
9. Dark Phoenix
10. Kingpin
11. Catwoman
12. Due Facce

Fosse per me si contenderebbe il primo posto con il Joker (Ci sono inquietanti somiglianze)
Tutti gli altri sono ridicoli.
Prosit
AmazingSpider-Man122
 
 
Current Location: Ponte di Brooklin
Current Music: Chet Baker - Almost Blue
 
 
 
(Anonymous) on June 13th, 2012 05:55 am (UTC)
bella riflessione:

di certo goblin muore,ma come?
per errore,atrocemente con supremo gusto di peter.o avvelenato da una zucchina?