?

Log in

No account? Create an account
 
 
23 October 2012 @ 03:20 pm
Sguardi  
In fondo al bus pieno del mattino si accorge di lei.

Prende la mira, calcola rimbalzi, traiettorie e possibilita' poi lascia libero lo sguardo.
Quello si infila tra i dreadlocks di un ragazzo e ne esce ballando sulle note reggae di "I shot the sheriff", continua verso le cuffiette di una ragazza e quando prosegue ha appiccicate addosso tre parole di una canzone d'amore.
Si perde tra le pieghe grigie del vestito di una suora, si infila nello zainetto di un ragazzo e ne esce che sa di pandorino, gomma da cancellare e tabacco. Carezza il pelo di un barboncino che sta in grembo ad una signora seduta su un sedile troppo stretto, si infila su per la gamba sinistra dell'autista approfittando della sua braga arrotolata, fa tintinnare un orecchino, fa perdere il segno ad un libro, ruba un idea che stava li' senza padrone, poi arriva da lei.

Lo sente sulla nuca, quello sguardo, e' un pizzicotto piacevole che la fa voltare, una scossa a cui risponde.

Rimane immobile mentre si forma quel ponte immaginario tra due esseri: collegamento invisibile di anime.
Vorrebbe due bicchieri di plastica uniti da uno spago in cui parlarci dentro come faceva da bambina.
Vorrebbe farsi strada in mezzo a quella giungla-folla a colpi di "permesso" e "mi scusi", riavvolgere lo sguardo fino a ritrovarsi cosi' vicino da sentire il suo profumo ma arriva la fermata, proprio la sua alla quale deve ubbidire.
Si aprono le porte, scende i gradini e solo quando il bus riparte si rende conto che quella forse sarebbe potuta essere una giornata diversa.
Osserva le facce nei finestrini che si allontanano, si passa una mano sugli occhi come per levare una ragnatela, poi prosegue come tutti i giorni verso l'ufficio.
Tags:
 
 
Current Location: Sul bus
Current Music: Niccolo' Fabi - Ecco