?

Log in

No account? Create an account
 
 
06 March 2014 @ 11:34 am
Una  
Goffa e con la testa infilata in mezzo alle spalle, come se il suo modello non prevedesse un collo.
I capelli effetto secchiata d'acqua, le mani con dita piccole e i buchi sulle nocche, gli occhi con ciglia lunghe e irreali su quel viso da bimba.
Sempre con l'auricolare nelle orecchie, il telefono in mano.
Un cordone ombelicale da dove prende nutrimento, socializza, da dove osserva la realta' come fosse la lente di un occhiale contro la miopia.
La regina del luogo comune, la portavoce di una massa che si ritrova unita solo quando c'e' da parlare del festival di Sanremo o dell'oscar per la grande bellezza "Che ne ho visto cinque minuti alla fine ma non mi e' sembrato un granche', vuoi mettere con la vita e' bella?".
Quella massa da cui si puo' solo scappare per mantenere le distanze e nutrire una propria individualita'.
La voce esce da quella bocca all'ingiu' come lo squittio di un topo ammaestrato e parla di scarpe firmate (che le paghi ma durano un casino), di gatti col naso schiacciato, (che hanno problemi respiratori ma sono troppo buffi), di diete povere di sodio (che il sale fa male) e bevande purificanti (ogni tanto ci vuole).
Se parla di cucina salta sempre fuori il BIMBI, i suoi miti sono Gandhi, Mandela e Celentano (la figlia piu' grande).
I suoi gusti di gelato sono cocco e menta e se dal fruttivendolo non trova mapo o pomelo se ne va sdegnata che su internet trovava anche le angurie cubiche.
I quadri di Picasso li disegnava anche lei, la musica dei Queen si che e' adatta a quando si vince una coppa del mondo, i ciclisti son tutti dopati, le attrici rifatte, i politici corrotti, i poliziotti se ne approfittano, i bambini giocano solo ai videogiochi, e come ha patito caldo, freddo, umido, pioggia, non ha mai patito nessuno.
Prosit
 
 
 
capracottacapracotta on March 6th, 2014 05:29 pm (UTC)
Sob :(