?

Log in

No account? Create an account
 
 
05 April 2014 @ 05:55 pm
stradivari  


Oggi gita per i luoghi dell'Adelasia, zona boschiva che sta alle spalle di Ferrania. Guida del luogo e sette biker vogliosi di pedale... Alle otto in punto partiamo.. sterrata o asfalto? Sterrata! (tutti in coro) la guida non ha detto che il Golgota in confronto è una pianura... comunque saliamo lemme lemme e ci accorgiamo subito che:
Le piogge dei giorni scorsi hanno reso il sottobosco una fangaia.
Il vento delle settimane scorse ha riempito il sottobosco di rami di ogni tipo.
Proprio queste dannate ramaglie hanno rotto il raggio di un tipo (che mi ha detto il suo nome durante le presentazioni ma io ho il morbo di Abramov e cancello i nomi dopo un secondo) e la mia catena NUOVA... vabbe' ora ho due falsemaglie.
Comunque i posti sono magnifici, faggi altissimi, bianchi come spettri si stagliano leggiadri e i fiori colorati spuntano tra il fogliame come gemme preziose.
Fine del momento poetico perché le salite (molte spingendo) erano ardue e le discese da paura! Potevi frenare ma tanto la bici scivolava inesorabile sul fondo fangofoglioso. E in piano? Nei rari falsopiani tutti in fila come bravi bikers ma inevitabile l'effetto gilette: la prima bici solleva il ramo, la seconda lo scalfisce, la terza (io) lo prende in pieno e.. rompe la catena!
Prosit

Tags: