?

Log in

No account? Create an account
 
 
28 July 2014 @ 10:15 pm
Londra Lavandinium  


E' vero, oggi la nebbia è praticamente svanita e la cappa nera prodotta dalla combustione del carbone non ricopre più ogni cosa come un tempo, ma i misteri che questi due fenomeni celavano sono ancora presenti.
I bagni londinesi hanno sconcertanti caratteristiche che non hanno spiegazione logica alcuna. Perché non esiste il bidet? Forse per tradizione? Ma se un giorno un illuminato ha inventato l' accessorio per poter lavare le parti intime senza bisogno di lavare tutto il corpo, perché non adottarlo? Forse perché è peccaminoso avere in bagno un coso dedicato alle parti intime? Ah ok, meglio zozzi che peccatori. I lavandini hanno spesso le dimensioni delle acquasantiere e si trovano a due metri dallo specchio. Farsi la barba è un attività dal finale approssimativo in quanto "ti sembra" di aver passato il rasoio dappertutto (sempre che quel tipo che si vede riflesso laggiù sia tu e non il vicino di casa). Ma veniamo ad un altra invenzione. Thomas Grill, un inglese (pensa un po')  avrebbe inventato agli inizi dell'ottocento il rubinetto anzi i rubinetti perché ancora oggi in molte case ce ne sono due. Uno per l'acqua calda e uno per la fredda.
Non mi dite che vi piace l'acqua tiepida perché è peccaminosa. Negli anni settanta viene perfezionato e nasce il miscelatore a dischi ceramici. - silenzio -
E' il demonio!! i dischi ceramici sono in realtà le vertebre di belzebu'!!
Preferiamo usare due rubinetti e se proprio abbiamo in casa ospiti stranieri abituati (barbari) all'acqua tiepida, forniamo loro una specie di stetoscopio a forma di Y come le bacchette dei rabdomanti....
Nei locali pubblici, musei, gallerie si trovano oggi lavandini all'avanguardia. Sono così moderni che spesso reinterpretano il concetto di "buco da dove entra l'acqua, recipiente dove si raccoglie e buco da dove esce". In pratica vorremmo poter girare qualcosa per far partire il flusso ma non c'è nulla. Quel coso che esce dal muro dovrebbe erogare acqua ma come riuscirci? Dopo aver passato le mani sotto, sopra, di fianco, lentamente, velocemente e averle battute insieme e aver provato a schioccare le dita e poi ancora aver provato a fischiettare e poi ad accennare un motivetto...
ci troviamo la mano piena di sapone liquido... ma allora quella specie di portasapone è il rubinetto? Infatti non appena avviciniamo le mani ecco scendere l'agognata acqua.
A volte, per voler dimenticare le tradizioni, si finisce per complicarsi la vita (e pensare che il bidet è così comodo...)
Prosit

Tags: