?

Log in

No account? Create an account
 
 
14 September 2014 @ 04:41 pm
L'occhio di vetro  
"Pecchè lo hai acciso, pecchè? Fusse che ti affastidiva li zebedeidi?"
"Nu, nun iera poppio queglio, era che mi sguardava con toppa insistenza...
"Ma chillo teniva l'okkiu de vitru!!"
"Cume de vitru? E la cornea?"
"Teneva pure quella ma u prubblema fusse che lo sguaddo fisso era dibbase!"
"Volessi dire che lo accisi per sbagliatamente?"
"Essì"
"Ecche mi presi la brigadiera di seppellire pure lo corpo pè niente?"
"Essì"
"Ma iu che cappiu ne sapivu che teneva la biglia al posto dellokkio?"
"Eh se lo guaddavi bene bbene, ma veramente bbene, lo capissi pure tu!"
"Ma io nun lo guaddavo bbene bbene ma veramente bbene pekkè artrimenti ero io che lo sguardavo con toppa insistenza e poi era lui che accideva amme!"
"Il ragionamento nun fa nà grinza ma fusse che lui avvedeva te che insistevi a sguardarlo e nun facesse niente pecchè pensasse che l'occhiu de vitru lo tenessi pure tu..."
"Allora lo potessi sguardare meglio da subbito e risparmiare la pallottola, la vanga e lu dolore alla schiena vertebbrale che tengo accisa da chillo giurno"
"Eh amico mio, nun siamo nel faruest che chi dapprimo preme un grilletto, daultimo muore, qui auccuore raggionare!"
"Comunque ora la frittata è fatta..."
"Ciai missu u parmiggianu?"
"E dduve scusa?"
"In coppa a frittata..."
"Ma era un modo di dire, sai come mugghi e buoi delli paesi tuoi!"
"Nun afferro, cosa centrano uorra i buoi cola frittata? Le ova nun le facessero le galline? Nun è che sono esperto di bottanica ma mi appareva che i buoi fanno il latte..."
"Chillo lo fanno le mugghie ma accomunque chillo che vulessi dire era che ormai chillo morto è e nun ci si può fari nulla..."
"Vabbuò ma posso domandarti una domanda?"
"Eh apposta son qui, chiedessi pure..."
"Cume assefà a capire se l'occhio è vero o è di vetro?"
"Semplice, chillo vero si muove insieme all'altro, chillo di vetro, fisso sta..."
"Ahh, capissi ora... ma se per caso stavano entrambi tutti e due fissi?"
"Allora quello tiene due occhi di vetro"
"Giusto, hoccapito, ma allora se lo accido nun mi vede!"
"Esattamente ma tanto poi mica può pallare se lo accidi no?"
"Ma nun avevamo detto che se aveva l'occhio di vetro nun si accideva?"
"Esattamente"
"Ma cosa è, se ne tiene due lo devo accoppare?"
"Senti, ho la testa che mi scoppia, possiamo cambiare discosso?"
"Ehh ma eri tu che cominciassi cun le domande, e pekkè lo ho acciso... e pekkè ti infastidiva..."
"Dimmi allora, pekkè uccidessi chill'altru"
"Eh pekkè mi fece lu sgambettu!"
"Ma chillu zoppu era! Teneva la gamba di legno!"
"Senti, appiantiamola qui, cò tutti questi che cianno quarcosa che non va ora diventasse pure difficile accoppare..."
"Eh, hai raggione, se andiamo avanti accussì ci tuccherà farsi dare un certificato di sana e robbusta costipazione prima di accoppalli..."
"Eh si, artimenti finisce che ci arrode la coscienza..."
"E nun dormiamo la notte..."
"Vabbuò vado che Nunzia ha buttato la pasta"
"Ma pekkè nun ci piaceva?"
"Cosa?"
"La pasta, nun ci piaceva che l'ha buttata?"
"Oh maronna, guadda, te lo spiegassi la prossima volta ventura che viene, vabbuò? Tengo appetito e scappo!"
"Scappa pure e se vuoi un consiglio, visto che tua moglie ha buttato la pasta, femmati al ristorante di Ciro, cuscina certe prelibatezze..."
"Grazie!"
"Alla prossima Carmè!"
"Alla prossima Nicò!"
Prosit
Tags: