?

Log in

No account? Create an account
 
 
19 October 2014 @ 09:36 am
Con tatto  
"Mi hai cercato?" - chiese
"No, perchè?"
"Perchè ho sentito uno squillo..."
"No, boh, sarà stato un contatto..."
"Si ma quale? Il TUO bisogno di contatto o lo hai detto per dire come quando si cerca di giustificare una stranezza senza ben sapere come funzionano le cose?"
"L'ho detto perchè si dice così in questi casi, e comunque non credo alle superstizioni sai ti fischia un orecchio e qualcuno ti pensa, ti prude la mano e perderai dei soldi..."
"Però se ci pensi, ogni rapporto è un contatto, il primo, i successivi..."
"Mah, in un rapporto le vicinanze sono naturali, il desiderio di occupare lo stesso spazio annulla le distanze ed è anche vero che dopo un pò, si rifugge dal cortocircuito per prediligere gli ampi spazi solitari dove ad aprire le braccia si trova solo aria in tutte le direzioni ma tra noi, voglio dire, non c'è mai stato alcun.. contatto.."
"Comunque mi hai cercato?" - chiese nuovamente
"No, ho visto non c'è alcuna chiamata in uscita..."
"Allora è come dicevo io, ma stasera cosa fai? No, già che ti sento ne approfitto..."
"Stasera niente, penso starò a casa ho un libro che mi chiama..."
"E tu risponderai?"
"Si, son troppo stanca per uscire, facciamo un altra volta ok?"
"Ok"
"Allora rimaniamo in contatto..."
"Si"
"...se capita"
"Comunque il tuo numero ce l'ho"
"Perfetto"
"Allora ciao"
"Ciao"
"Stammi bene"
"Certo, anche tu"
"E fatti vivo"
"Senz'altro"
"Scusa devo chiudere"
"Oh, si certo, scusa te"

Spense il telefono, si guardò intorno poi svoltò l'angolo e accelerò il passo, sempre di più, finchè ri ritrovò a correre. Si infilò nel cancello del parco dove prese un sentiero che si infilava nel bosco.
Si fermò dopo alcuni minuti, il cuore che batteva nel petto. Levò dalla tasca il cellulare, lo posò sopra una pietra che spuntava dal terreno e dopo averne afferrata un'altra, cominciò a colpirlo finchè non diede ai rottami forme soddisfacenti.

L'altro tirò fuori il telefono di tasca, compose il numero ma dopo aver atteso a lungo rinunciò, fose lei lo aveva messo nella modalità silenziosa. Peccato, ora che si erano ritrovati avrebbe voluto mandarle un salutino, chiederle del libro, magari lei gli avrebbe raccontato la trama oppure gli avrebbe detto che in fondo quel libro non era poi granchè e allora sarebbero usciti per bere qualcosa, comunque avrebbe riprovato da lì a breve, dal tono della voce era sicuro che a lei aveva fatto piacere sentirlo e poi quel contatto... ora che si era riformato, non avrebbe permesso a nessuno di cancellarlo.
Prosit