?

Log in

No account? Create an account
 
 
22 July 2015 @ 11:20 am
Consigli  

Uscire di casa con questo caldo e' sconsigliato. Lo dice il medico, lo dice mia figlia e tentano di dirlo i cartelli delle autostrade con quei moniti che sembrano spuntare da una folla sgrammaticata che protesta: "No gassate! No gelate!".
Io devo ubbidire cosi' se finisco all'ospedale non possono dire che me lo merito e che faccio sempre di testa mia.
A pensarci cosa dovrei fare? Sono vecchio ma non ho ancora imparato a ragionare con la testa degli altri.
Certo utilizzare un cervello in comodato d'uso non sarebbe male, lascerebbe il mio libero di pensare a tutt'altro Comunque lo stesso medico mi ha consigliato di fare del moto, una cosa blanda che alla mia eta' e' meglio non esagerare: "Non deve strapazzarsi ma un po' di attivita' fisica tutti i giorni e' un toccasana per schiena, cuore, circolazione e guardi dovrei farlo anche io, che son giovane eh ma il moto, il movimento, e' FONDAMENTALE!" - dice mentre giocherella con il portachiavi del suo BMW che parcheggia sul marciapiede davanti allo studio.
E cosi' mi son trovato di fronte ad un bivio: dare ascolto ai consigli e non mettere il naso fuori di casa o uscire per fare i due passi che il medico tanto appoggia?
Alla fine ho trascinato la cyclette sul pogiolo e mentre con una meta' del corpo me ne sto all'ombra del corridoio, cedo l'altra meta' alla luce del sole mentre faccio girare il pedale sinistro con la stessa velocita' di una lancetta dei secondi.
Questa scelta mi fara' solo parzialmente bene ma forse che l'uomo non e' un insieme ordinato di contrasti? Cosi' metto a tacere la coscienza e posso rassicurare dottore e figlia giurando di aver seguito, per quanto possibile, alla lettera quanto richiesto.
Comunque la vecchiaia fa schifo, si arriva a capire quali sono le migliori scelte senza avere piu' la forza di poterle percorrere e allora si spera che sia qualcun altro a seguirle e si danno consigli che spesso cominciano con: "Se io fossi al tuo posto..." ma e' crudele, e' come avere le ali e non poter volare.
Ora il mio posto e' questo, scaccio l'invidia ruotando la cyclette e cambiando pedale, luce, ombra, forse idee.
Prosit

 
 
 
capracottacapracotta on July 23rd, 2015 06:55 am (UTC)
Comunque la vecchiaia fa schifo, si arriva a capire quali sono le migliori scelte senza avere piu' la forza di poterle percorrere e allora si spera che sia qualcun altro a seguirle e si danno consigli che spesso cominciano con: "Se io fossi al tuo posto..." ma e' crudele, e' come avere le ali e non poter volare.
Triste verità. :\